cose da fare nello stelvio

L’elemento acqua nel Parco Nazionale dello Stelvio

Se ti trovi in Trentino Alto Adige e cerchi cose da fare nel Parco Nazionale dello Stelvio, tra le attrazioni da considerare quest’estate è meritevole di attenzione quella di vivere un’alba d’incanto nel Parco Nazionale dello Stelvio.

Il centro visitatori aquaprad del Parco Nazionale delle Stelvio contiene dodici acquari che mostrano gli habitat alpini, come i ruscelli, fiumi, laghi, stagni e paludi. Qui i visitatori possono ammirare dal vivo 30 specie di pesci tramite ‘ esposizione permanente che si chiama “Tra pesci – un viaggio in mondi sconosciuti”.

Per ulteriori info scarica l’app Cittando o visita il sito ufficiale:

https://www.parconazionale-stelvio.it/it/esperienze/centri-visitatori-del-parco-nazionale/aquaprad.html

Umbria – Mostra Oro e Colore nel Cuore dell’Appennino – Fino al 30 Gen

Fino al 30 gennaio 2022 sarà in mostra presso la Pinacoteca Civica Bruno Molajoli la mostra “Oro e Colore
nel Cuore dell’Appennino: Allegratto Nuzi e il ‘300 a Fabriano” curata da Andrea de Marchi e Matteo
Mazzalupi. La mostra rappresenta un omaggio alla città di Fabriano, al suo territorio e alle ricchezze
culturali che lo circondano, promossa dal Comune di Fabriano e dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti
e con la collaborazione di diverse istituzioni italiane e internazionali. L’obiettivo degli organizzatori è stato
quello di riportare a Fabriano una trentina di opere del grande Maestro prestate per l'occasione, fra cui
undici tavole provenienti da musei stranieri. Le opere presenti sono affiancate a una serie di sculture di altri
artisti del territorio, sculture che nelle loro cromie, ma non solo, risentono in modo evidente dell’influenza
dell’artista Allegretto e della sua scuola. Il grande artista infatti introdusse nelle Marche tipologie ancora
ignote di complessi polittici e squisiti altaroli per la devozione individuale.

Allegretto fu soprattutto innovatore nelle iconografie, contribuendo alla diffusione della Madonna
dell’Umiltà in area adriatica, piegando le storie della Passione a interpretazioni originali e toccanti. Viene
ritenuto un grande sperimentatore soprattutto nelle tecniche pittoriche. Alla mostra fabrianese è collegata
anche l’esposizione su Ottaviano Nelli a Gubbio, a cura dello stesso Andrea De Marchi e Maria Rita
Silvestrelli e promossa dal Comune di Gubbio e dalla Direzione regionale dei Musei dell’Umbria.

Per ulteriori info scarica l’app Cittando o visita https://www.pinacotecafabriano.it/.